16 thoughts on “Arriva ‘Immuni’

  1. Pingback: Arriva ‘Immuni’ — natangelo – PUBLICITACOM.WORDPRESS.COM

  2. L’idiozia di questa app! Ma come si fa? Vogliono fare i coreani… Insomma, se non si riesce a farsi fare il tampone neanche se moribondi, come fanno ad avvertirti che quello vicino a te è malato (non testato = negativo?) In che mani siamo. Ci vorrebbe un buco nero specificamente creato per ingoiare questo paese e i suoi padroni.

  3. Due cose. Uno, che Nat e tutti noi abbiamo una certa esperienza di dating online; aggiungere i virus alla platea dei possibili partner mi sembra un lieto diversivo. Almeno sai che non e’ un profilo fake. L’app pero’ potevano chiamarla “(Shit) Happn”.

    L’altra, che mi fanno schifo i commenti precedenti. Il problema del coronavirus non lo risolveranno Giuseppe Micheli o uno dei due anonimi, a cacatio di dubbi, benaltrismo e sospetti, e al grido di mandiamoli tutti a casa. A parita’ di condizioni, con la app e’ meglio o peggio? Meglio. Fanno pochi test? Male. Devono farne di piu’? Sicuramente. Ma almeno se hanno la storia dei contatti fra chi viene testato positivo e altri, possono usare meglio i pochi test che fanno. Non ne posso piu’ di un paese in cui tutti la sanno piu’ lunga degli altri e scommettono sempre sul fallimento di qualunque iniziativa. Posso? Andatevene affanculo.

    • La critica non è verso tutto, ma verso questa soluzione inapplicabile ad una popolazione come quella italiana. Siamo anarcoidi, spesso analfabeti di ritorno e rifiutiamo tutto in nome di una libertà che non sappiamo apprezzare . Nessuno (quasi ) scaricherebbe l’app che oltretutto non sarebbe un obbligo. Ciao torna pure nella sezione e salutami Minniti.

      • > Siamo anarcoidi, spesso analfabeti di ritorno e rifiutiamo tutto in nome di una libertà che non sappiamo apprezzare .

        Si, appunto. Non sarebbe il caso di smetterla? Cominciamo ad avere un atteggiamento positivo, cerchiamo di fidarci del lavoro degli altri, scarichiamo e facciamo scaricare l’app e usiamola. Anche se abbiamo dei dubbi. Anche se serve a poco. Buttare merda su tutto induce tutti a sabotare qualunque sforzo: si finisce per avere ragione, ma e’ una soddisfazione magra in mezzo alle rovine.

    • Se si deve buttare merda addosso alle persone che cercano di discutere su qualcosa mi sta anche bene. Non mi sorprende neppure che qualcuno si offenda se il lavoro di qualcun altro è stato per quindici anni e più di fare del ‘media monitoring’ specificatamente sulle malattie infettive e sì può dire di saperne di più dell’italiano medio che nel frattempo si segava sui siti porno. Si ricordi che mentre lei se la spassava la fine dell’anno 2019 con i cotechini, io ero al mio posto a fare quello per cui sono stato anche elogiato. M’importa poco della sua opinione del resto. Si fotta. Lei e tutti i cacatio del mondo.

Rispondi